Un contadino trova e mette in salvo dei gattini. Ma quando intuisce che non sono gatti comuni, ecco cosa decide di fare

La vicenda che vi raccontiamo di seguito è una storia che lascia colpiti profondamente a causa della scoperta inattesa fatta da un contadino. L’uomo, che vive in Russia, un giorno ha trovato alcuni cuccioli felini in giardino. Erano piccolissimi, e non avevano nessuna possibilità di riuscire a sopravvivere per conto proprio. Per questo motivo ha scelto di raccoglierli dal giardino per poter prendersi cura di loro.

bezyimyannyiy1_648x518

Questi cuccioli sembravano normalissimi gattini, tuttavia l’uomo si è presto reso conto che avevano dei colori particolari. Data questa singolarità, il contadino ha chiesto il parere ai responsabili dell’area protetta, e loro gli hanno risposto dandogli una notizia incredibile: in realtà quei cuccioli non sono normali gattini, ma manul, ovvero dei felini selvatici.

bezyimyannyiy4_648x487

I manul, anche detti “gatti di Pallas” e “gatti delle steppe” hanno un aspetto simile ai gatti domestici, ma possiedono una pelliccia molto fitta e diverse macchie scure sparse sulla fronte e degli anellini neri sulla coda. Inoltre hanno le zampe corte, il muso piatto, una parte posteriore molto pronunciata, ed orecchie tonde e basse. Questi tratti lo rendono anche vagamente somigliante ai gufi.

macici-rusija-foto-facebook-1467231339-940077_648x438

E’ una specie protetta, dopo che per tanti anni l’uomo lo ha cacciato per la pelliccia. A proposito di questo, va anche detto che questo felino non è protetto ovunque, tuttavia lo è nella maggior parte delle zone in cui è diffuso, inclusa l’area dove vive il contadino che ha trovato quei cuccioli.

Proprio per via della caratteristica di specie protetta, il personale dell’area protetta ha preso in custodia i cuccioli, affidandoli a delle madri adottive.

Una volta diventati grandi, i cuccioli sono poi stati liberati nel loro habitat, cioè la natura selvaggia.

lifebuzz-4314a6f3e26c612253f50868c71a90dc-limit_2000_648x486

Grazie al contadino quei manul sono stati salvati, e ovviamente il merito è anche del personale dell’area protetta, che ha preso a cuore la sorte degli animali, e appena è stato possibile, li ha ricondotti nel luogo a loro più adatto.

loading...
CONDIVIDI SU FACEBOOK