Sono passati 35 anni dalla scomparsa di Alfredino. Per non dimenticare

Aveva solamente 6 anni Alfredino Rampi, e di ritorno da una passeggiata domandò al padre se per tornare a casa poteva passare per i campi. Fu l’inizio di una tragedia che segnò non solo la famiglia di Alfredino, ma catturò l’attenzione di tutta l’Italia, divenendo il primo evento catastrofico in diretta tv. Il bambino cadde e rimase incastrato in un pozzo, e dopo tre giorni di dura agonia lasciò questo mondo. La vicenda accadde 35 anni fa, e per non dimenticare è stato recentemente fatto un video che racconta interamente i fatti per come sono avvenuti: ve lo proponiamo anche su questa pagina.

Alfredino Rampi, nato l’11 aprile del 1975 cadde all’interno di un pozzo in via Sant’Ireneo, nella piccola frazione di Selvotta, a Frascati. Il pozzo si trovava in via Vermicino, strada che collega Roma sud a Frascati nord.

A giugno, la famiglia Rampi trascorreva un periodo di riposo in provincia di Roma, nella loro seconda casa, e assieme a due amici il signor Ferdinando, il padre di Alfredino stava facendo una passeggiata nella campagna assieme anche al ragazzino. Con loro quindi c’era anche Alfredo, che, venuta l’ora di rincasare, chiese al padre di percorrere la strada da solo, lungo i prati. Il padre acconsentì, e il piccolo s’incamminò. Tornato a casa però, il padre si accorse che il figlio non era ancora tornato, e così anche con l’aiuto delle forze dell’ordine, iniziarono le ricerche del ragazzino.

Alla fine si scoprì che Alfredino era in un pozzo, e si udirono i suoi lamenti. Venne fatto il possibile per riuscire a salvarlo, ma non vi fu nulla da fare. Intervennero diversi soccorritori, ma senza successo, anche perché era impossibile riuscire a calare una persona nel pozzo che potesse trarlo in salvo. E fu così che, il bambino salutò questo mondo. Una sciagura davvero incredibile.


CONDIVIDI SU FACEBOOK

Un dottore speciale di situazioni