Sconfigge il cancro per due volte, poi diventa infermiera nell’ospedale dove era stata salvata

La storia che vi raccontiamo di seguito è quella di Montana Brown, ragazza 24enne di Atlanta, in Georgia, che si era ammalata due volte di cancro.

La prima volta in cui si ammalò aveva 2 anni. I medici dissero che aveva un cancro al tessuto connettivo. Così si sottopose a cicli di chemioterapia nel centro specializzato AFLAC. I genitori volevano che la loro bambina potesse avere l’impressione di avere una vita normale, e probabilmente anche il loro impegno in tal senso è servito a farla guarire.

Il cancro sembrava ormai un vecchio ricordo, ma ritornò a presentarsi nove anni fa, ai tempi un cui la giovane andava al liceo, praticava sport ed era una cheerleader, e non ebbe alcun sintomo di ritorno della malattia.

L’angoscia di doversi curare di nuovo le si ripresentò. Si fece curare nuovamente all’AFLAC, e durante quei lunghi mesi la giovane prese una importante decisione: visto che con lei le infermiere erano state “fantastiche” così come lo erano state quando lei aveva due anni (secondo quanto riferitole dalla madre), e che si mostrarono molto attente e premurose in un momento molto difficile, scelse di non volere fare altro che l’infermiera nei reparti relativi alla oncologia pediatrica.

Dopo nove anni, Montana ha realizzato il suo grande desiderio. Da poco tempo ha infatti incominciato a lavorare presso la struttura che le ha curato il cancro per ben 2 volte. In merito a ciò, ha detto di essere ancora incredula per la vita e la missione che Dio le ha scelto. Ogni volta che guarda il suo tesserino o sente dire a qualcuno “benvenuti, bambini!” le vengono le lacrime agli occhi. Non avrebbe mai pensato di poter arrivare così lontano, e per lei è meraviglioso e incredibile ritornare in questa struttura come membro dello staff e non più come una paziente.

loading...
CONDIVIDI SU FACEBOOK