Ha un tumore, i medici non si accorgono di niente: così se n’è andata mamma Tina

Una donna ha sofferto per mesi di dolori addominali molto forti. Forse pensava che fosse un male passeggero, perché non aveva idea che tali dolori di lì a poco l’avrebbero uccisa. Questa è stata la terribile fine di Tina Locke, una 43enne del Galles madre di due figli. Se ne è andata anche a causa dei medici, che le avevano diagnosticato una forma acuta di depressione.

Per via della presunta depressione, Tina aveva inziato ad assumere dei farmaci appositi, ma il dolore non se ne andava. Quindi, in seguito si è sottoposta ad esami più specifici, scoprendo che quei dolori al petto e alla pancia derivavano da una adenocarcinoma ad anello, ossia una forma di cancro molto violenta.

Purtroppo il ritardo di tale diagnosi ha lasciato che il tumore progredisse in modo del tutto indisturbato, ed è giunto ad un punto tale che nemmeno la chemioterapia lo poteva scalfire. Sicché, dopo un periodo di cura breve, i medici diedero alla famiglia la triste notizia: non c’era niente che si poteva fare per evitare la morte della donna.

Così la famiglia, in preda alla disperazione, aveva organizzato una raccolta fondi per consentire una cura sperimentale in Germania a Tina: erano riusciti a racimolare tutto il necessario. Tuttavia, neanche la cura sperimentale era stata in grado di fare effetto, pertanto la donna è deceduta a causa del cancro il 27 settembre scorso.

Una volta elaborato il lutto, la famiglia di Tina ha voluto rendere questa storia pubblica, di modo da denunciare il terribile caso di malasanità britannica.

Cancro

loading...
CONDIVIDI SU FACEBOOK