Francavilla Marittima, la madre vede il figlio che chiede aiuto dopo essersi quasi decapitato con la motosega. Una fine assurda

Un ragazzo di appena 16 anni di nome Antonello Santagata, ha perso la vita in un modo davvero orribile nonché assurdo, a Francavilla Marittima, in provincia di Cosenza. Mentre stava maneggiando una motosega, per errore si è quasi decapitato, recidendosi di netto la carotide. Si trovava a casa sua al momento del triste accadimento. L’epilogo della vicenda ha lasciato i genitori e i soccorritori senza parole, perché non è possibile rimanere indifferenti rispetto a ciò a cui hanno assistito.

Il fatto si è verificato di recente, ed il racconto di ciò che è successo mette i brividi. Antonello si trovava con suo padre a tagliare la legna nell’abitazione della famiglia, quando ad un tratto il genitore si è dovuto assentare, per motivi non ancora chiariti.

L’adolescente, rimasto solo, ha cercato di proseguire nel lavoro che stava svolgendo in precedenza assieme al padre, ma il macchinario lo ha tradito, e con un improvviso sbalzo lo ha quasi decapitato.

Il giovane ha avuto la forza di andare verso la madre, da una stanza all’altra, poi però è crollato a terra, ed in brevissimo tempo è morto. I soccorritori hanno assistito ad una scena veramente cruenta, con lui steso a terra. Inutile il tentativo di arrestare l’emorragia: ormai era già deceduto.

A seguito della terrificante fine fatta dal ragazzo, a Francavilla Marittima è stato lutto generale. Il giovane era uno studente dell’Istituto Tecnico Commerciale per geometri del vicino comune di Trebisacce.

Niente e nessuno potrà riportare Antonello in vita. Ci auguriamo che, dopo questo tragico avvenimento, possa riposare in pace. Inoltre, cogliamo l’occasione per fare le nostre condoglianze alla famiglia e a tutti coloro che gli hanno voluto bene.

Antonello Santagada

loading...
CONDIVIDI SU FACEBOOK