loading...

Uncategorized

Problemi a svegliarti presto? Tranquillo, è sintomo di intelligenza. Lo confermano due studi scientifici

La scoperta scientifica avvenuta di recente, a ben vedere ha del clamoroso. Tale ricerca è stata confermata non da uno, ma da ben due studi condotti da scienziati attendibili. Lo studio proveniente dall’università di Madrid informa che le persone che hanno difficoltà ad alzarsi la mattina hanno quale caratteristica che li contraddistingue, giacché tali difficoltà che li rende pigri gli deriva dalla loro intelligenza: chi va a letto tardi e si alza tardi possiede una maggiore logica di ragionamento, come anche dei pensieri maggiormente strutturati. Il tutto quindi aiuta anche a sviluppare la creatività. Pertanto, sebbene alzarsi tardi di mattina e andare a dormire tardi vada un po’ in controtendenza rispetto all’organismo umano, perché il corpo dell’uomo è predisposto naturalmente a dormire la notte e a stare sveglio di giorno, c’è anche da considerare la scoperta condotta dai madrileni che, per l’appunto, informano che qualcosa di molto positivo nello svegliarsi tardi comunque c’è, giacché il tutto aiuta a sviluppare una intelligenza più marcata, ragiona meglio, ed è maggiormente creativo. Ma non è tutto.


Portare capitali fuori dall’Italia, il fenomeno è in crescita

Ricominciata alla grande quella abitudine di esportare capitali dall’Italia, ma non c’è nulla di illegale o poco chiaro in tutto questo, semplicemente è la ricerca di posti più felici nei quali poter parcheggiare i propri investimenti. Questo fenomeno inevitabilmente segna un grado di sfiducia considerevole nei confronto del Paese, il quale fatica ad uscire dalla crisi. Oggi i capitali si portano fuori dall’Italia per via del fatto che in Italia il rendimento dei capitali stessi è troppo basso. Sullo sfondo di tutto questo vi è una diffidenza consistente nella capacità dell’Italia di uscire dalla crisi. Parlando quindi da un punto di vista obiettivo, la gente teme che difficilmente l’Italia uscirà a breve dalla crisi, per cui per evitare complicazioni fa investimenti all’estero invece che puntare sul nostro Paese. Secondo voi è giusta una situazione di questo tipo? Per chi deve investire denaro, è senz’altro giusto che lo faccia dove più ritiene opportuno, mentre per quanto attiene l’Italia, è evidente che qualcosa va fatto e al più presto per cercare di risolvere questo preoccupante fenomeno.



Prepara questa bellissima torta ai frutti rossi, senza usare il forno

I dolci senza cottura rappresentano una alternativa più che valida a quelli che invece richiedono l’uso del forno, ed infatti le ricette preparate senza dover cuocere sono anche salutari molte volte, perché magari, come nella ricetta che qui di seguito vi proponiamo, contengono frutta fresca, per la quale si intende mantenere la integrità del gusto e della forma, che altrimenti il calore del forno altererebbe. La torta che di seguito andiamo a illustrarvi prevede la presenza di lamponi e ribes, frutti strepitosi per quanto concerne la genuinità, giacché contengono elementi antiossidanti e tante vitamine.


Con il seguente trucco, mangiate restando magri: geniale!

Quanto abbiamo modo di proporvi mediante questo articolo è un trucco validissimo per mangiare il riso senza ingrassare. A volte il riso viene usato non solo come primo piatto ma anche in qualità di contorno per altri tipi di cibo. Si tratta di un alimento utile per l’organismo, e per certi versi indubbiamente prezioso in tal senso, ma presenta una caratteristica che non va affatto sottovalutata da questo punto di vista, che riguarda il fatto che si sta pur sempre parlando di un qualcosa che se consumato troppo, fa ingrassare, perché è ricco di amido. L’amido si converte in glucosio, e quindi in zucchero. Ma esiste un trucco fantastico per rendere il riso ancora più leggero e quindi capace di non fare ingrassare. Non ci credete? E invece il trucco utile a fare questo c’è, e riguarda le prime fasi di cottura.


Una donna libera una rana parlante, che esaudisce i suoi desideri, ma non aveva calcolato che…

In un caldo pomeriggio estivo, tre donne optano per andare a giocare a golf all’interno di un club, e per una di loro è la prima esperienza in questa attività, e quando lanciò la pallina la tirò talmente forte che la mandò in un boschetto lì vicino. Nel mentre cercava la pallina, si accorse di una rana chiusa in una trappola, e con stupore della donna, quella rana parlava.


Matteo Renzi e la sua nomina a premier. Ecco che cosa c’è da sapere…

Matteo Renzi non è stato eletto dal popolo, quindi non dovrebbe sedere a Palazzo Chigi: una affermazione che si sente dire spesso da parte degli oppositori del premier italiano. Lo dice il centro-destra, lo dice il Movimento 5 Stelle, e in fondo a ben vedere qualcosa di vero in tutto questo c’è, ma nessun presidente del Consiglio viene eletto dal popolo: il popolo elegge il Parlamento, come tutti sanno, e potere esecutivo e potere legislativo sono legati da un rapporto di fiducia. In pratica, il governo non è che una emanazione diretta del parlamento, il parlamento infatti accorda la fiducia al premier come anche ai suoi ministri. Senza la fiducia dei parlamentari al governo, il governo stesso non può essere costituito, e se il parlamento vota la sfiducia, il governo cade. Tuttavia c’è qualcosa di importante da sottolineare da questo punto di vista.


Vecchi cellulari, anche i più diffusi possono valere moltissimo. Ecco i dettagli

Vi ricordate quando negli anni novanta iniziarono a diffondersi un po’ ovunque i telefonini? Sicuramente sì, e come ben ricorderete si trattava di accessori con il display in bianco e nero. All’epoca rappresentavano idealmente il simbolo di un’era che stava per cambiare, e con i modelli che si susseguirono in seguito, sempre più avanzati, tali mutamenti resero questo accessorio sempre più presente nella vita di tutti, tanto che ormai da anni è diventato un oggetto indispensabile, e di strada i telefonini ne hanno fatta molta. Oggi sono gli smartphone ad occupare la scena, e quasi tutti ne hanno almeno uno. Tra smartphone e telefonini degli anni novanta vi è un gap tecnologico evidentissimo, enorme, ed è per questa ragione che ormai i vecchi telefonini non li adopera più nessuno. Ma i collezionisti ne vanno matti, ed infatti ad oggi quei vecchi telefoni hanno iniziato a recuperare valore, almeno per i collezionisti. Ultimamente i cellulari anni novanta hanno iniziato a venderli a dei prezzi esorbitanti. I cellulari ormai vintage rivelano avere un mercato parallelo a quello degli smartphone, e se tenuti in condizioni buone, ancora funzionanti, potrebbero valere una piccola fortuna.


La cliente si reca da Uccio il salumiere, quello che accade dopo rende questa barzelletta davvero stupenda!

Nel video qui propostovi, quello che dirà Uccio ad un certo punto vi farà ridere tantissimo. In questo caso lo ritroviamo nei panni del salumiere. Da salumiere si immedesima molto bene nel suo ruolo, e a trovarlo vi è una cliente che già conosce, la quale gli chiede un piccolo favore. Uccio le fa questo favore, ma aspettate di sentire quello che dice dopo…!!!


Addebito canone Rai non dovuto, ecco come ottenere il rimborso

Sono arrivate finalmente le istruzioni attinenti al come fare per richiedere il rimborso nel caso in cui l’addebito del canone Rai sulla bolletta fosse non dovuto. Sin da subito i contribuenti hanno la possibilità di inviare l’istanza di raccomandata allo sportello abbonamenti e televisioni dell’Agenzia delle Entrate, oppure, in via telematica a cominciare dal 15 settembre, considerando i tempi necessari utili allo sviluppo dell’applicazione dedicata.